Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all'uso dei cookie
I luoghi >> La fiumara Alaca
La fiumara Alaca è lunga 21km e nasce nelle Serre Calabresi, sull’altopiano della Lacina. I principali corsi d’acqua che poi danno vita alla fiumara si originano più precisamente a Bocca d’Assi (1048mt slm), a Monte Tramazza(1125mt slm) e a Monte Burilli(1178mt slm). La foce della fiumara è situata sulla costa jonica al confine tra i paesi di San Sostene e Sant’Andrea Apostolo dello Jonio
Durante il suo percorso la fiumara è alimentata da numerosi piccoli corsi d'acqua a regime torrentizio, con andamento trasversale o parallelo alla linea di costa.

Come tutte le altre fiumare calabresi si caratterizza per una portata d’acqua irregolare. Soprattutto alla foce è possibile notare come durante il periodo estivo si prosciughi completamente, al contrario di quello invernale.  Frequenti sono anche le piene, soprattutto durante il periodo autunnale.

La valle dell’Alaca rappresenta un vero e proprio corridoio naturalistico di interconessione tra la parte montana del Parco delle Serre, ed il mar Jonio. Nonostante gravi problematiche di carattere ecologico, ancora oggi, il fascino della fiumara è indescrivibile. Le innumerevoli cascate generate dal fiume, le piscine naturali che si formano sul suo corso, la fauna e la flora che abitano il suo ecosistema  rendono ancor più interessante e misterioso questo fiume.

La fiumara Alaca è una delle più importanti risorse del nostro territorio, attorno alla quale ruotava la vita delle comunità dei paesi di San Sostene e Sant’Andrea apostolo dello Ionio. Oltre ad offrire un approvvigionamento d’acqua sicuro, sia per i consumi domestici che per l’agricoltura, la fiumara era anche ricca di fauna ed offriva dunque la possibilità di reperire piccole quantità di pesce.

Nella parte medio-alta del suo corso, l’Alaca, scorre tra boschi di castagni che un tempo erano anch’essi il fulcro di una civiltà agricola oggi purtroppo tramontata. Dunque appare strano pensare che dei luoghi, oggi così impervi e periferici, un tempo fossero antropizzati ed addirittura centrali per la sopravvivenza delle comunità che abitavano i suoi dintorni.

Nel 1985 fu costruita una diga sulla parte alta del fiume, in località Piani della Lacina, l’invaso dell’Alaco, ma per vederla riempita ed in funzione si è aspettato il 2001.
 
NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle attività del portale
iscriviti alla nostra newsletter
CONTATTI

T (+39) 320 05 92 850
ASD CUCCURUTA ESTREMA
via dei gelsomini 4/A 88060
San Sostene(CZ)
cuccurutaestrema@gmail.com
Partita Iva: 97082060795